Blog

Le acquisizioni societarie (M&A): l’importanza di dichiarazioni & garanzie

04 Apr 2018

Le acquisizioni societarie sono un tema che abbiamo affrontato in numerosi articoli di questo Blog.

Recentemente abbiamo tratto specificamente il tema della due diligence.

Per quanto questa possa essere approfondita (sotto molteplici punti di vista), l’acquirente dovrà fare affidamento su ciò che dichiara il venditore.

Penso alla veridicità dei bilanci, alla consistenza del magazzino, alle liti pendenti o probabili, alle previsioni circa i pagamenti dovuti dai debitori.

Per questo dichiarazioni & garanzie hanno rilevante importanza nei contratti di acquisizioni di partecipazioni societarie.

Le dichiarazioni (c.d. representations)

Forniscono una “rappresentazione” della situazione della società le cui azioni sono oggetto di compravendita.

Definiscono, quindi, il quadro di riferimento per la determinazione del prezzo.

Aldilà del fatto che alcune informazioni siano pubbliche, la loro veridicità va sempre verificata, ove possibile.

Un caso classico sono i crediti: sono pienamente esigibili?

Oppure (come sanno bene molti Imprenditori in difficoltà) sono inseriti a bilancio solo per motivi “estetici”?

Molto importante è anche il rispetto delle norme di legge (la c.d. compliance).

Penso a problematiche ambientali (che hanno solitamente gravi conseguenze dal punto di vista economico e non solo), piuttosto che la conformità a normative (privacy, 231 o sicurezza sul lavoro).

Le garanzie (c.d. warranties)

Hanno l’effetto di trasferire a carico del venditore il rischio derivante da eventuali difformità rispetto alle dichiarazioni prestate.

Come anticipato, l’acquirente necessita di cautelarsi in materia di contenziosi, proprietà intellettuale, lavoratori e sicurezza.

Solitamente una particolare enfasi viene posta sulla stabilità dei contratti in essere e sulle clausole relative alla non-concorrenza.

Quale equilibrio tra le Parti?

Com’è ovvio, le Parti negoziano le dichiarazioni e garanzie prima di arrivare al contratto definitivo.

Laddove l’uno (i.e. acquirente) vuole ottenere più dichiarazioni possibile, l’altro (i.e. venditore) vuole ridurle al minimo.

Per il venditore non si tratta necessariamente di malafede.

La preoccupazione è evitare le conseguenze di eventuali violazioni che spesso hanno un impatto sul prezzo.

In effetti rappresentazioni & garanzie sono legate indissolubilmente al prezzo di vendita.

Nei contratti si prevedono apposite clausole di “regolazione”.

Sicchè ad un aumento delle garanzie corrisponde sempre un aumento del prezzo, mentre ad una riduzione delle stesse corrisponde uno “sconto”.

Avv. Giuseppe Bellini