Blog

Holding di Famiglia ed Holding Industriali per puntare al risparmio fiscale!

16 Set 2019

Oggi introduciamo il tema della holding societaria.

Il termine “holding” è l’abbreviazione dell’espressione inglese “holding company” ed indica una società finanziaria che detiene, totalmente, o solo in parte, quote o partecipazioni di altre società controllate.

Pertanto da ciò si deduce, che al vertice del gruppo si trova la società controllante definita parent o società madre”, mentre al di sotto troviamo le controllate che vengono chiamate subsidiary” o “società figlie.

Tuttavia, fatta questa premessa, possiamo dire che la holding esercita un’attività direttiva nei confronti delle controllate, mentre le controllate restano giuridicamente indipendenti rispetto alla holding, e rispondono dei propri debiti solo con il proprio capitale, senza coinvolgere quello in capo alla holding.

E, grazie anche a questo aspetto si riduce al minimo il rischio di impresa in capo alla holding.

COME SI COSTITUISCE UNA HOLDING?

Una holding, come tutte le società di capitali, si costituisce mediante la redazione di un atto costitutivo davanti ad un Notaio, che deve essere poi iscritto nel registro delle imprese.

Infine, le Holding possono essere non solo società di capitali, forma tuttavia fortemente raccomandata nel caso di gruppi a vocazione internazionale, ma possono essere anche in forma di società semplice, vedi ad esempio la società “Dicembre” dalla Famiglia Agnelli, che controlla le società EXOR, FERRARI, FCA e tutte le altre società sottostanti.

OLTRE ALLA RIDUZIONE DEL RISCHIO DI IMPRESA, QUALI SONO I VANTAGGI DI COSTITUIRE UNA HOLDING?

  • Possibilità di sfruttare il regime della Partecipation Exemption (PEX)[1];
  • Possibilità di usufruire del consolidato fiscale[2] o dell’IVA di gruppo;
  • Sfruttamento della gestione finanziaria di gruppo;
  • Possibilità di sfruttare la tassazione agevolata sui dividendi[3].

Ci sono anche altri aspetti da considerare:

  • i costi societari ed amministrativi elevati;
  • maggiore burocrazia;
  • impossibilità di adottare la contabilità semplificata;
  • obbligo di depositare il bilancio annuale;
  • minor riservatezza nei confronti dei terzi che possono richiedere alle camere di commercio tutti i documenti dai quali si evince la situazione patrimoniale e finanziaria della società.

LE PRINCIPALI TIPOLOGIE DI HOLDING

  • La Holding finanziaria o pura

Non svolge attività di produzione o scambio di beni, ma nei confronti delle controllate esercita solo un’attività di controllo e coordinazione delle attività sia operative, che strategiche, da queste svolte. Esempio di holding finanziarie: Exor della Famiglia Agnelli che controlla Fiat Chrysler Automobiles.

  • La Holding operativa o mista

Oltre a coordinare l’attività delle società aderenti, svolge anche l’attività di produzione o scambio di beni o servizi.

Esempio di holding operativa: Mediobanca, che oltre a possedere quote in altre società, come Generali Assicurazioni, eroga anche servizi finanziari alle imprese.

  • La Holding capogruppo

Possiede azioni o quote di altre società in quantità tale da esercitare un’influenza dominante sulla loro amministrazione.

Inoltre, la Holding capogruppo può essere sia una Holding finanziaria che una Holding operativa.

  • La Holding gestoria

Gestisce società che hanno business con interdipendenze strategiche per creare sinergie tra business.

Un esempio di holding gestoria è la Fiat Chrysler che controlla tutte le società automotive Maserati e FCA.

  • La Holding di famiglia

E’ tra le più diffuse in Italia, ed è una società controllata dai componenti di una stessa famiglia.

Esempi di holding sono la Fininvest SPA della famiglia Berlusconi.

Infine, abbiamo la subholding, che è una società che si inserisce tra la società capogruppo e quella operativa, e sostanzialmente si tratta di una holding finanziaria.

LA DISCIPLINA FISCALE PREVISTA PER LE HOLDING

La disciplina fiscale prevista per le Holding prevede:

  • IRES al 24% per la Holding;
  • per il socio persona fisica si applica un imposta al 26% (ritenuta)
  • se utilizza il sistema PEX, sugli utili percepiti la holding dovrà pagare le imposte su un imponibile del 5%.

Infine, se sceglie il regime di trasparenza fiscale, la tassazione è determinata in capo ai soci, come avviene per le società di persone.

***

Se stai pensando di costituire una holding societaria, contatta lo Studio al numero 02.303167660331620824 per un consulto.

Dott.ssa Denise Amato

Avv. Giuseppe Bellini

 

[1] Il sistema fiscale conosciuto con l’acronimo PEX è un sistema che prevede che le plusvalenze generate dalla cessione di partecipazioni concorrono alla formazione del reddito imponibile solo nella misura del 5%, e possono usufruire di tale sistema: le società o gli enti che hanno posseduto le azioni o quote cedute per almeno 12 mesi; esercizio da parte della società partecipata di un’impresa commerciale; residenza fiscale della società partecipata in uno Stato o territorio non a fiscalità privilegiata; classificazione nella categoria delle immobilizzazioni finanziarie nel primo bilancio chiuso durante il periodo di possesso.

[2] Possibilità per la Holding di effettuare in un unico versamento le imposte dirette.

[3] Sistema che prevede per la società madre accentri a sé tutti i dividendi provenienti dalle società figlie, e poi decide se reinvestirle nelle società controllate o distribuirli ai soci.